Vai alla classifica dei conti deposito

Investire in conti deposito

Tra gli strumenti finanziari messi a disposizione dalle banche, ci sono anche i conti deposito, il cui scopo primario consiste nel permetterti di mettere al sicuro i tuoi risparmi, ottenendo un rendimento nel corso del tempo.

Investire in conti depositoNoti anche come conti di deposito a termine, conti di liquidità o conti di risparmio, questi strumenti di investimento si appoggiano di solito a un conto corrente tradizionale e presentano le seguenti caratteristiche:

  1. sicurezza: a fronte di un’eventuale insolvenza da parte dell’istituto di credito, sono garantiti dal FITD (Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi) fino a 100.000 € per ogni depositante;
  2. tassi di interesse: i conti deposito offrono sempre un tasso di interesse fisso oppure variabile sugli importi depositati. Sono principalmente le condizioni generali di mercato e le politiche dell’istituto bancario di turno a stabilirli;
  3. scadenza: vi è una scadenza specifica per il vincolo delle somme depositate, dopo la quale è ammesso il prelievo senza restrizioni. Prima, il prelievo anticipato è concesso solo a fronte del pagamento di penali;
  4. versamento minimo: per aprire un nuovo conto deposito, talvolta gli istituti bancari richiedono un versamento minimo sia per la loro apertura sia per il loro mantenimento attivo. La cifra effettiva varia a seconda della banca;
  5. tassazione: i profitti ottenuti sui tuoi risparmi tramite conto deposito vengono tassati in base alle leggi fiscali del paese in cui è avvenuta l’apertura.

L’investimento nei conti deposito conviene?

Essendoci il vincolo delle soglie e per uno specifico intervallo di tempo (specialmente nei depositi vincolati) il conto deposito di solito permette prelievi e versamenti solo verso il conto di appoggio. Ecco perché questo tipo di conti differisce molto dal conto corrente ed è impiegato come strumento di investimento che ti consente di guadagnare interessi sui tuoi risparmi.

Vedi anche differenza tra conto corrente e conto deposito.

Vantaggi e svantaggi del conto deposito

“Solitamente, gli individui che desiderano salvaguardare i propri fondi e ricevere interessi senza rischi e con la protezione delle garanzie statali, scelgono i conti deposito. Un altro beneficio è la mancanza di oneri: non vi sono spese di gestione o commissioni per mantenere attivo il conto (solo la tassazione prevista dalla legge). Per questo motivo, nel caso in cui stai cercando un’opzione di risparmio a basso costo, un conto deposito può essere una valida alternativa.”

Tra gli svantaggi, invece, occorre precisare che a fronte di un investimento sicuro, con interessi garantiti, i rendimenti si dimostrano in genere decisamente più bassi rispetto ad altre forme di investimento. Il motivo di fondo sta nel fatto che i tassi di interesse di un conto deposito sicuro sono complessivamente bassi.

Inoltre, i conti deposito non mettono al sicuro il tuo capitale dall’inflazione: se quest’ultima, come spesso accade, supera il tasso di interesse del conto, nel medio termine il potere di acquisto dei tuoi soldi diminuisce.

Infine, quasi sempre, prevedono limitazioni sull’accesso ai fondi per uno specifico lasso di tempo. Questo è noto come periodo di blocco e può dare luogo a problemi non indifferenti, qualora avessi bisogno immediato di liquidità.

Vedi anche garanzie sui conti deposito: sono sicuri?.

Considerazioni personali e profilo di rischio

Valutare il tuo profilo di rischio è fondamentale nel momento in cui stai effettuando un investimento. E il conto deposito lo è a tutti gli effetti. Il profilo di rischio va valutato con:

  • il grado di sostenibilità che hai nei confronti delle fluttuazioni dell’importo che hai investito. Questo è correlato in primo luogo ai tuoi obiettivi finanziari: una cosa è se vuoi preservare il capitale e vederlo crescere (seppur in modo limitato), un’altra è voler rischiare di più per ottenere rendimenti superiori.
  • L’orizzonte temporale, cioè l’intervallo di tempo in cui desideri consolidare l’investimento; se hai una prospettiva a lungo termine, puoi accettare meglio le fluttuazioni a breve termine, per poi ottenere a distanza di anni rendimenti superiori.

Tra le considerazioni personali in rapporto al profilo di rischio, tieni conto anche della tua capacità finanziaria, del tuo reddito e del tuo patrimonio. Tutto ciò inciderà sulla tua propensione al rischio: eventuali perdite possono essere tollerate agevolmente solo se hai una situazione finanziaria positiva. Infine, esperienza e conoscenza finanziaria in materia di investimenti ti aiutano a comprendere al meglio i rischi associati e a prendere decisioni consapevoli.

Come investire in conti deposito?

Innanzitutto, prima di investire in un conto deposito, è bene avere ben chiare le tipologie di offerte di questo strumento finanziario:

  • il conto deposito vincolato ti permette di svincolarti dall’importo depositato, ma solo alla scadenza contrattuale stabilita: più lungo è l’orizzonte temporale in cui investi, tanto più il tasso di rendimento sarà superiore. In genere, gli interessi vengono liquidati alla scadenza del vincolo. In caso di svincolo anticipato del capitale depositato, se è possibile, dovrai pagare una penale che comporta la perdita totale degli interessi maturati nel corso del tempo o una loro riduzione.
  • Il conto deposito non vincolato: in questo caso, non vi è alcun obbligo di bloccare i fondi in giacenza. Non vi sono scadenze prefissate. Noto anche come conto deposito libero, ti permette di ritirare le somme quando lo reputi opportuno, senza dover pagare penali. Vista la maggiore accessibilità ai tuoi risparmi, i tassi di interessi proposti sono inferiori rispetto a quelli dei conti deposito vincolati.

Vedi anche conto deposito libero o vincolato?.

I conti deposito sono impiegati come parte di una strategia di diversificazione del portafoglio, perché sono una forma di investimento più sicura rispetto alle obbligazioni e, soprattutto, alle azioni: non essendo legati alle fluttuazioni tipiche del mercato azionario e obbligazionario, i conti depositi sono il prodotto finanziario che fa al caso tuo se intendi evitare ogni sorta di rischio di mercato.

In aggiunta, la flessibilità dei conti deposito è notevolmente alta sia in termini di durata che di importi di deposito: come titolare, dunque, hai la possibilità di personalizzare il conto deposito in base alle tue effettive necessità finanziarie.

Se desideri avere una panoramica sulle banche che offrono i migliori rendimenti al momento, consulta la nostra classifica dei migliori conti deposito.

Vedi anche tassi conto deposito: andamento negli anni.

Rendimento dei conti deposito rispetto a soluzioni alternative

La scelta relativa alla migliore soluzione di investimento tra conto deposito, azioni, obbligazioni e fondi comuni di investimento dipende da fattori personali, come la tua situazione finanziaria, gli obiettivi di investimento, il lasso di tempo che ti dai e la tua propensione al rischio. Ogni opzione ha i suoi vantaggi.

Nello specifico, come abbiamo visto, i conti deposito sono strumenti finanziari sicuri, senza grossi rischi di perdita e con rendimento fisso dato dal tasso di interesse sui risparmi. Tuttavia, a fronte di rendimenti contenuti (che possono anche non superare il tasso di inflazione), il ritorno reale non è poi così alto.

Le azioni, invece, hanno un importante potenziale di crescita e anche rendimenti interessanti in ottica di lungo termine: a fronte di prestazioni degne di menzione da parte delle aziende su cui hai scelto di investire e di andamento positivo dei mercati azionari, puoi solo beneficiarne. Rispetto al conto deposito, le azioni sono investimenti di natura volatile che, da un lato, possono garantirti introiti considerevoli e, al tempo stesso, anche perdite significative in caso di scelte sbagliate.

Le obbligazioni sono investimenti sicuri, a patto che vengano emesse da governi o da società solide con affidabilità creditizia. Il livello di rischio delle obbligazioni è correlato solo a investimenti in realtà meno stabili. I rendimenti offerti comunque sono superiori rispetto ai conti deposito: questa differenza è palese soprattutto se si acquistano obbligazioni con un rating di credito più elevato o a fronte di scadenze più lunghe. Avendo scadenze specifiche, la liquidità delle obbligazioni è però meno immediata rispetto a quella dei conti deposito: vendere le obbligazioni prima della loro naturale scadenza comporta l’ottenimento di un valore di mercato comunque più basso in raffronto al valore nominale. Valuta le obbligazioni se desideri bloccare denaro per un periodo più lungo con l’intento di assumerti un po’ più di rischio e di avere rendimenti maggiori. Altrimenti, opta per il conto deposito.

I fondi comuni di investimento ti consentono di diversificare al meglio il tuo portafoglio, dato l’elevato numero di attività finanziarie che li costituiscono. Tra azioni, obbligazioni e titoli di stato, si riduce sensibilmente il rischio complessivo in fase di investimento. A occuparsi della loro gestione sono tendenzialmente esperti del comparto finanziario, abituati a prendere decisioni a tema e a bilanciare il portafoglio, al fine di massimizzare i rendimenti. Questi ultimi, in genere, sono superiori a quelli del conto deposito, soprattutto a lungo termine, perché il livello di rischio è maggiore.

Vedi anche ritenuta fiscale interessi sul conto deposito.

Fattori da considerare

Quando investi, i tassi di interesse di mercato, l’inflazione e le politiche delle banche centrali sono tutti fattori da tenere in considerazione.

Il valore delle tue quote tende sempre a fluttuare in relazione alle prestazioni dei titoli. Ragion per cui, se non sei propenso al rischio e non hai approfondite conoscenze finanziarie, faresti bene a tenere in considerazione i conti deposito come soluzione principale di investimento.

Strategie di investimento

La diversificazione è la parola chiave di una strategia di investimento. I conti deposito andrebbero dunque considerati insieme ad altri strumenti finanziari: diversificazione, rendimenti differenti, raggiungimento di obiettivi finanziari di varia natura e contenimento dei rischi sono in questo senso fattori determinanti.

Inoltre, combinare vari strumenti di investimento ti dà anche l’opportunità di apprendere nuove nozioni e di fare esperienza in materia finanziaria; ti aiuta, quindi, a prendere decisioni più consapevoli in futuro.

Chiaramente, la decisione su come investire dipende sempre e comunque dalle tue esigenze personali e dal profilo di rischio che ti contraddistingue.

Conti deposito da non perdere

Per te che cerchi un investimento sicuro con un buon rendimento, consulta la classifica aggiornata dei migliori conti deposito del 2024.

Ultimo aggiornamento: 12/05/2024